LA PRESENZA DEL GAS RADON NEI LUOGHI DI LAVORO

ABITAZIONI, SCUOLE E LUOGHI APERTI AL PUBBLICO

Nuova legge sul radon

 

Con la pubblicazione della Legge Regione Campania n. 13-2019 sul Bollettino Regionale n. 40 del 16 Luglio 2019, la Regione Campania si dota di uno strumento che anticipa il recepimento della Direttiva Euratom 59/2013 ponendo il limite di soglia a 300 Bq/mc e 200 Bq/mc per le nuove costruzioni.

Al di là delle considerazioni pure necessarie sulla protezione dei lavoratori e sulla mancata attuazione della Direttiva Europea scaduta da più di un anno, la Legge Regionale Campania è un passo realmente importante perchè, dai dati in ns. possesso, il valore medio della Regione è quasi 6 volte quello nazionale.

Il valore medio italiano del radon indoor è infatti 70 Bq/mc a fronte del valore medio Regionale di circa 400 Bq/mc. Il dato sopra evidenziato si riferisce alle misure eseguite da noi direttamente o da ns. clienti negli ultimi 10 anni; si tratta in totale di 13559 rilievi eseguiti nelle 5 province come risulta più chiaro dal grafico seguente. Gli esercenti di attività aperte al Pubblico, devono quindi provvedere, ai sensi della nuova Legge, entro e non oltre novanta giorni dalla data di entrata in vigore (16/07/2019), ad avviare le misurazioni sul livello di concentrazione di attività del gas radon da svolgere su base annuale mediante due integrazioni semestrali.

 

La Legge Regionale 8 Luglio 2019 n.13  “Norme in materia di riduzione dalle esposizioni alla radioattività naturale derivante dal gas radon in ambiente confinato chiuso”, prescrive la misura di radon, su tutto il territorio regionale, per tutti i luoghi accessibili al pubblico e per gli edifici strategici tra cui quelli destinati all’istruzione. 
Per gli edifici strategici di cui al D.M. 14.01.2008 e destinati all’istruzione, compresi gli asili nido e le scuole materne, il livello limite di riferimento per concentrazione di attività di gas radon in ambiente chiuso, e in tutti i locali dell’immobile interessato, non può superare i 300 Bq/mc, misurato con strumentazione passiva e/o attiva.

Per gli interrati, seminterrati e locali a piano terra degli edifici diversi da quelli sopra specificati, e aperti al pubblico, con esclusione dei residenziali e dei vani tecnici isolati al servizio di impianti a rete, il livello limite di riferimento per concentrazione di attività di gas radon in ambiente chiuso non può superare i 300 Bq/mc, misurato con strumentazione passiva e/o attiva.

 

La campagna di misura, effettuata dai tecnici di Energreenup, prevede:

Prima fase durante la quale viene svolto un sopralluogo tecnico acquisendo:

  • Planimetria e caratteristiche dell’area di interesse;
  • Informazioni sul numero di lavoratori che stazionano negli ambienti oggetto della misura.

Seconda fase durante la quale vengono eseguite due campagne di misura semestrali (autunno/inverno e primavera/estate) mediante il posizionamento di opportuni dosimetri a traccia (1 ogni 100 m2) nelle posizioni ritenute più significative dal punto di vista radioprotezionistico;

Terza fase di elaborazione dei dati ottenuti con la consegna di un report finale relativo a:

  • Metodi di misura impiegati;
  • Punti di misura (funzione dell’ambiente di lavoro) individuati su opportuna planimetria;
  • Valori riscontrati espressi in Bq/m3 confrontati con quanto previsto dalla normativa in vigore;
  • Commenti e soluzioni tecniche per risolvere eventuali superamenti dei limiti di legge riscontrati;
  • Certificati di calibrazione degli strumenti di misura impiegati;
  • Firma da parte dell’Esperto Qualificato.
Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© energreenup s.r.l via Parata, 3 Pietramelara (CE) 81051 P.IVA 04170100616